We've updated our Terms of Use. You can review the changes here.

Mia dolce vita

by Marco Calliari

supported by
/
  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    Purchasable with gift card

      $10 CAD  or more

     

  • Full Digital Discography

    Get all 7 Marco Calliari releases available on Bandcamp and save 15%.

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality downloads of MOLOTOV MON AMOUR, One Night, Marco Calliari 25.0, Mi Ricordo, Al Faro Est, Che la vita, and Mia dolce vita. , and , .

    Purchasable with gift card

      $51 CAD or more (15% OFF)

     

1.
L'Americano 04:01
L'Americano ( Nicola Salerno/ Renato Carosone) 1-Puorte ’o cazone cu’ ‘nu stemma arreto, ‘na cuppulella cu’a visiera aizata. Passe scampanianno pe’ Tuleto comme a ‘nu guappo pe’ te fa guardà! *Tu vuo’ fa l’americano! “mmericano! Mmericano!” Siente a me, chi t'ho fa fa? Tu vuoi vivere alla moda ma se bevi “whisky and soda” po te sente ‘e disturbà. Tu abballe ’o “rock’n’roll” tu giochi al “basebal” ma ’e solde pe’ Camel chi te li dà? ... La borsetta di mammà! Tu vuo’ fa l’americano “mmericano! Mmericano!” ma si nato in Italy! Siente a mme non ce stà niente a ffa Okay, napolitan! Tu vuo’ fa l’american! Tu vuo’ fa l’american! 2-Comme te pò capì chi te vò bene si tu le parle ‘mmiezzo americano? Quanno se fa l’ammore sotto ‘a luna comme te vene ‘capa e dì:"i love you!?" *Tu vuo’ fa l’americano! “mmericano! Mmericano!” Siente a me, chi t’ho fa fa? Tu vuoi vivere alla moda ma se bevi “whisky and soda” po te sente ‘e disturbà. Tu abballe ’o “rock’n’roll” tu giochi al “basebal” ma ’e solde pe’ Camel chi te li dà? ... La borsetta di mammà! Tu vuo’ fa l’americano “mmericano! Mmericano!” ma si nato in Italy! Siente a mme non ce stà niente a ffa Okay, napolitan! Tu vuo’ fa l’american! Tu vuo’ fa l’american! (solo) *Tu vuo’ fa l’americano! “mmericano! Mmericano!” Hey! Hey!... Siente a me, chi t’ho fa fa? Tu vuoi vivere alla moda ma se bevi “whisky and soda” po te sente ‘e disturbà. Tu abballe ’o “rock’n’roll” tu giochi al “basebal” ma ’e solde pe’ Camel chi te li dà? ... La borsetta di mammà! Tu vuo’ fa l’ americano “mmericano! Mmericano!” ma si nato in Italy! Siente a mme non ce stà niente a ffa Okay, napolitan! Tu vuo’ fa l’american! Tu vuo’ fa l’american! “Whisky and soda e rock’n’roll” (4)
2.
L'italiano 03:49
02 - L’Italiano (Cristiano Minellono / Toto Cutugno) Lasciatemi cantare con la chitarra in mano lasciatemi cantare ... sono l’ italiano! 1-Buongiorno Italia gli spaghetti al dente un partigiano come presidente, con l’autoradio sempre nella mano destra un canarino sopra la finestra. Buongiorno Italia con i suoi artisti, con troppa America sui manifesti, con le canzoni, con amore, con il cuore, con più donne sempre meno suore. Buongiorno Italia, buongiorno Maria, con gli occhi pieni di malinconia, buongiorno Dio... sai che ci sono anch’io. *Lasciatemi cantare, con la chitarra in mano, lasciatemi cantare una canzone piano piano. Lasciatemi cantare, perché ne sono fiero: sono l’italiano, un italiano vero. 2-Buongiorno Italia che non si spaventa con la crema da barba alla menta, con un vestito gessato sul blu e la moviola la domenica in TV. Buongiorno Italia col caffè ristretto, le calze nuove nel primo cassetto; con la bandiera in tintoria e una Seicento giù di carrozzeria. Buongiorno Italia, buongiorno Maria, con gli occhi pieni di malinconia, buongiorno Dio ... sai che ci sono anch’io. *Lasciatemi cantare con la chitarra in mano, lasciatemi cantare una canzone piano piano. Lasciatemi cantare, perché ne sono fiero sono l’italiano, un italiano vero. (solo) *Lasciatemi cantare con la chitarra in mano, lasciatemi cantare una canzone piano piano. Lasciatemi cantare, perché ne sono fiero sono l’italiano, un italiano vero.
3.
03 – Leggenda di Natale (Fabrizio De André / F. De André) Parlavi alla luna giocavi coi fiori avevi l’età che non porta dolori e il vento era un mago, la rugiada una dea, nel bosco incantato di ogni tua idea nel bosco incantato di ogni tua idea E venne l’inverno che uccide il colore e un Babbo Natale che parlava d’amore e d’oro e d’argento splendevano i doni ma gli occhi eran freddi e non erano buoni ma gli occhi eran freddi e non erano buoni Coprì le tue spalle d’argento e di lana di perle e smeraldi intrecciò una collana e mentre incantata lo stavi a guardare dai piedi ai capelli ti volle baciare dai piedi ai capelli ti volle baciare E adesso che gli altri ti chiamano dea l’incanto è svanito da ogni tua idea ma ancora alla luna vorresti narrare la storia d’un fiore appassito a Natale la storia d’un fiore appassito a Natale
4.
04 – Chi è, e non è Lo sai non sei come me Sempre sai dove sei come sai quanto vuoi di quel che vuoi ma io, invece, non voglio Svegliare me per pensare a te Uomo o ragazzo Passione del gioco Il fuoco, il fosso Le strade percorse Di notte ogni giorno Di sera questa sera No non svegliarmi Per parlar con te *Voler, non essere Chi è, e non è Non sa, il piacere (sa e) Non sa, di sapere (sa e) Non sa, chi amare Tu sai gentile sei Sempre sei come vuoi Quando sai dove sei Di quel che vuoi ma io, invece non voglio svegliare me, né pensare a te La furia, l’indifferenza Di chi è, e non è Ogni atto e finzione Quotidiana emozione Ma io, sì io Non voglio svegliare, me E, né pensare a te *Voler, non essere Chi è, e non è Non sa, il piacere (sa e) Non sa, di sapere (sa e) Non sa, chi amare
5.
O Sole Mio 03:49
05 – ‘O sole mio (Giovanni Capurro/ Eduardo Di Capua/ Alfredo Mazzucchi) Che bella cosa na jurnata ‘e ‘sole n’aria serena doppo ‘na tempesta pe’ll’aria fresca pare già na festa che bella cosa ‘na jurnata e sole. *Ma n’atu sole cchiù bello, oi nè ’o sole mio sta ‘nfronte a te! ’o sole, o sole mio sta ‘nfronte a te ... sta ‘nfronte a te. Quanno fa notte ‘o sole se ne scende me vene quase ’na malincunia, sotto ‘a fenesta coi te restarria quando fa notte ‘o sole se ne scende. *Ma n’atu sole cchiù bello, oi nè ’o sole mio sta ‘nfronte a te! ’o sole, o sole mio sta ‘nfronte a te ... sta ‘nfronte a te.
6.
06 – Recitar! (vesti la guibba) (Ruggiero Leoncavallo / R. Leoncavallo) Recitar! Mentre preso dal delirio, non so più quel che dico, e quel che faccio! Eppur è d’uopo, sforzati! Bah, sei tu forse un uom? Tu se’ Pagliaccio! Vesti la giubba, e la faccia infarina. La gente paga, e rider vuole qua. E se Arlecchin t’invola Colombina, ridi Pagliaccio… e ognun applaudirà! Tramuta in lazzi lo spasmo ed il pianto, in una smorfia il singhiozzo e il dolor… Ah! Ridi Pagliaccio, sul tuo amore infranto! Ridi del duol, che t’avvelena il cor!
7.
Caruso 05:40
07 – Caruso (L. Dalla/ L. Dalla) Qui dove il mare luccica, E tira forte il vento Su una vecchia terrazza Davanti al golfo di Surriento Un uomo abbraccia una ragazza Dopo che aveva pianto Poi si schiarisce la voce E ricomincia il canto *Te voglio bene assai Ma tanto tanto bene sai è una catena ormai Che scioglie il sangue dint’e vene sai... Vide le luci in mezzo al mare Pensò alle notti là in America Ma erano solo le lampare E la bianca scia di un’elica Sentì il dolore nella musica E si alzò dal pianoforte Ma quando vide la luna uscire da una nuvola Gli sembrò più dolce anche la morte Guardò negli occhi la ragazza Quegli occhi verdi come il mare Poi all’improviso uscì una lacrima E lui credette di affogare *Te voglio bene assai Ma tanto tanto bene sai è una catena ormai Che scioglie il sangue dint’e vene sai... Potenza della lirica Dove ogni dramma è un falso Che con un po’ di trucco e con la mimica Puoi diventare un altro Ma due occhi che ti guardano Così vicini e veri Ti fan scordare le parole Confondono i pensieri Così diventa tutto piccolo Anche le notti là in America Ti volti e vedi la tua vita Come la scia di un’elica Ma sì, è la vita che finisce Ma lui non ci pensò poi tanto Anzi si sentiva già felice E ricominciò il suo canto *Te voglio bene assai Ma tanto tanto bene sai è una catena ormai Che scioglie il sangue dint’e vene sai... *Te voglio bene assai Ma tanto tanto bene sai è una catena ormai Che scioglie il sangue dint’e vene sai...
8.
08 – I due fannulloni (Matteo Salvatore) Hitler i Mussollini sono stati due assassini Hanno voluto fare la guerra per dominare mare, cielo e terra Allo tempo degli fascisti attaccavano gli manifesti le donne a ‘na figlia lu popol a da ummentar quella donna ca nu figlieva ieva prega Santo Lazene pe’ nu figlio tre mila lire se ieva maschio le cinque mila lire Chi lo chiamav’ Benito Doppio premio è favorito So passete un pocco d’anni Lu paese pieno di uagliule Tutti schavezze i affametti Quellu premiu ciaruvameti A lu sague de chi te murte Cha te pozza ‘na ci vengan A lu sague de chi te murte Cha te pozza na ci vengan Ue che grossa fregatura Coma ma fa queste creature
9.
09 – Chitarra Romana (Bruno Cherubini, Eldo Di Lazzaro) Sotto un manto di stelle Roma bella mi appare solitario il mio cuor disilluso d’amor vuol nell’ombra a cantar una muta fontana al balcone lassù o chitarra romana accompagnami tu. *Suona suona mia chitarra lascia piangere il mio cuore senza casa e senza amore mi rimani solo tu. Se la voce è un po’ velata accompagnami in sordina la mia bella fornarina al balcone non c’è più... Sotto un manto di stelle Roma bella mi appare solitario il mio cuor disilluso d’amor vuol nell’ombra a cantar una muta fontana al balcone lassù o chitarra romana accompagnami tu. *Suona suona mia chitarra lascia piangere il mio cuore senza casa e senza amore mi rimani solo tu. Se la voce è un po’ velata accompagnami in sordina la mia bella fornarina al balcone non c’è piu'...
10.
Bella Ciao 03:16
10 - Bella Ciao (Domaine public / Arrangement Marco Calliari) Una mattina mi son’ svegliato O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao Una mattina mi son’ svegliato Ed ho trovato l'inva...l’invasor Una mattina mi son’ svegliato O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao Una mattina mi son’ svegliato Ed ho trovato l'invasor O partigiano portami via O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao O partigiano portami via Che mi sento di morir E se io muoio da partigiano O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao E se io muoio da partigiano Tu mi devi seppellir E seppellirai lassù in montagna O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao e seppellirai lassù in montagna Sotto l’ombra di un bel fior E tutti quelli che passeranno O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao E tutti quelli che passeranno Mi diranno “che bel fior!” E questo è il fiore del partigiano O bella ciao, o bella ciao, o bella ciao ciao ciao E questo è il fiore del partigiano Morto per la libertà E questo è il fiore del partigiano Morto per la libertà Bella ciao!!!!!
11.
La Montanara 02:41
11 – La montanara (Antonio Ortelli, Luigi) Lassù per le montagne fra boschi e valli d'or fra l'aspre rupi echeggia un cantico d'amor. La montanara, ohè! si sente cantare, cantiam la montanara e chi non la sa? La montanara, ohè! si sente cantare, cantiam la montanara e chi non la sa? Lassù sui monti tra i rivi d'argento una capanna cosparsa di fior, era la piccola, dolce dimora di Soreghina la figlia del sol. La figlia del sol.
12.
13.
Mattinata 07:13
12 – Mattinata (Ruggiero Leoncavallo) L’aurora di bianco vestita Già l’uscio dischiude al gran sol, Di già con le rose e sue dita Carezza de’ fiori lo stuol! Commosso d’un fremito arcano, Intorno il creato già par, E tu non ti desti, ed invano Mi sto qui dolente a cantar. Metti anche tu la veste bianca E schiudi l’uscio al tuo cantar! Ove non sei la luce manca; Ove tu sei nasce l’amor. Ove non sei la luce manca, Ove tu sei nasce l’amor Ove tu sei, nasce l’amor.

about

L’ex-leader d’Anonymus, recyclé dans le bel canto assaisonné de world beat et de jazz, revisite l’univers musical de son enfance. Marco Calliari s’y attache avec sérieux, beaucoup de culot et une bonne dose d’humour. Il en faut pour s’attaquer à Recitar! de Leoncavallo, l’un des grands airs de l’opéra italien, sans démériter. L’occasion est belle de mettre un nom sur des airs archi-connus et de faire quelques découvertes, comme Leggenda di natale de Fabrizio de Andre, un incontournable de la chanson italienne, et I due fannulloni de Matteo Salvatore. On y retrouve l’éternel O sole mio, L’americano, Bella Ciao (chant de résistance anti-fasciste), Nino Rota et le Caruso de Lucio Dalla. Du plaisir garanti.
Gilles Tremblay / Voir / 26 octobre 2006

credits

released October 17, 2006

MUSICIENS / Musicisti

Marco Calliari: Voci, chitarre, mandolino, kazoo, percussioni, melodica.
Isabelle Verville: Tromba, flicorno, cori.
Vincent Carré: Batteria.
Jérémi Roy: Contrabasso, Chitarra bajo sexto, cori.
Yann Bochud: Chitarra elettrica, cori.
Frédéric Péloquin: Fisarmonica.
Pasquale Caruana: Percussioni, cori.
David Carbonneau: Tromba.
Sandy Belfort: Pianoforte, tastiere, Hammond B-3,
Carlos Araya: Percussioni.
Luzio Altobelli: Fisarmonica, cori.
Masseo Altobelli: Cori.
Jean-Sébastien Leblanc: Clarinetto, clarinetto basso, cori.
Pierre-Emmanuel Poizat: Clarinetto Basso.
Julie Houle: Tuba, cori.
Tacfarinas Kichou: Percussioni.
Guido Del Fabbro: Violino.
Zoé Dumais: Violino.
Kristin Molnar: Violino.
Jacques Duguay: Percussioni.
Sarah Martineau: Viola, cori.
Camille Paquette-Roy: Violoncello.
Édith Fitzgerald: Primo violino.
Johanie Turcotte: Secondo violino.
Nedjim Bouizzoul: Chitarra classica, percussioni, voce in “La Rabbia”.
Enrico Greppi: Voce in “Come se fosse”.
Arrangiamenti: Marco Calliari, Pasquale Caruana, Luzio Altobelli.
Direzione quartetto dʼarchi : Francis Covan
Foto: Noan Major
Grafica: Tania Parent
Struttura musicale Sulla barca: Nathalie Trépanier
Barca: Christian Sabourin
Webmaster: François Lafontaine

license

all rights reserved

tags

about

Marco Calliari Montreal, Québec

Marco Calliari chante fièrement ses origines : Sa musique est une ode au folklore italien qu’il modernise à sa guise.

contact / help

Contact Marco Calliari

Streaming and
Download help

Redeem code

Report this album or account

If you like Marco Calliari, you may also like: