We've updated our Terms of Use. You can review the changes here.

One Night

by Marco Calliari

supported by
/
  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    Purchasable with gift card

      $10 CAD  or more

     

  • Full Digital Discography

    Get all 7 Marco Calliari releases available on Bandcamp and save 15%.

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality downloads of MOLOTOV MON AMOUR, One Night, Marco Calliari 25.0, Mi Ricordo, Al Faro Est, Che la vita, and Mia dolce vita. , and , .

    Purchasable with gift card

      $51 CAD or more (15% OFF)

     

1.
Al Faro Est 04:13
Al Faro Est Paroles: Marco Calliari, Y. Bochud Com’è che la notte nasconde l’amor? E com’è che sto giorno sorride al gran sol? Un faro sul mare, che guida il silenzio un mondo passato, a perdita di vista Le stelle in fondo, il cuore è sereno Si sente la gioia che forse ci stava Com’è che la notte nasconde l’amor? E com’è che sto giorno sorride al gran sol? Oggi qui sento questa altra metà di me La giù ma sempre presente dentro me L’alma leggera mi ricorderò Chiudo gli occhi e vedo l’infinito Com’è che la notte nasconde l’amor? E com’è che sto giorno sorride al gran sol?
2.
Se avessi una vespa Stephen Faulkner – Sylvie Choquette Se avessi una vespa  mi cambierebbe la vita a spasso correrei per la Gaspesie Se avessi una vespa mi cambierebbe la vita il naso all’aria aperta sempre con te bella mia Tutti e due amore mio in giro insieme tutto il dì Senza femarsi mai Come due gypsies Se avessi una vespa ne farei casa mia tu saresti la mia stella e io vivrei, per te Tutti e due amore mio in giro insieme tutto il dì Senza femarsi mai Come due gipsies Se avessi una vespa andrei via di qui a spasso correrei  per la Gaspésie Ma non ho una vespa e allora prendo un taxi e mi perderò con te insieme a te, bella mia
3.
4.
Solo 03:15
SOLO (M. Calliari / M. Calliari, L. Champagne, C. Araya, L. Altobelli, A. Dumais) Solo, sempre solo Solo, sempre piu solo Perche il mio cuore non mi lascia a crepar Perche mia ombra mi deve seguir Cosa la pace mi sta diventar E un vero sogno o un incubo Sempre solo Solo, sempre piu solo Perche mia testa mi gira cosi Perche il mio tempo mi sembra volar Cosa la vita mi sta diventar E una vera bugia o una verita, verita, verita Solo, sempre solo Solo, sempre piu solo Perche il mio cuore non mi lascia a crepar Perche mia ombra mi deve seguir Cosa la pace mi sta diventar E un vero sogno o un incubo, incubo, incubo…
5.
QUESTE PAROLE (M. Calliari / M. Calliari, L. Champagne) Vi scrivo ste parole, per me mi sembran’ poche Poche per tutto cosa fate per noi Non vi’ho mai detto O forse si, non credo? Ma non abbastanza, mai abbastanza vi dirò che... Queste parole, che tutti pensano in fondo, mai lo diranno abbastanza Cara mamma, ci fai sempre piacere Sempre sveglia di pensieri per noi Caro papà, duro come il cemento Sensibile dentro, musicalmente sveglio Grazie per la gioia, per l’amore, per la vita che ciavete portato non lo diremo mai abbastanza spesso in una vita... Grazie per la gioia, per l’amore, per la vita che ciavete portato non lo diremo mai abbastanza spesso in una vita... Vi scrivo ste parole, per me mi sembran’ poche Poche per tutto cosa fate per noi
6.
La Montanara 03:21
La montanara (Antonio Ortelli, Luigi) Lassù per le montagne fra boschi e valli d'or fra l'aspre rupi echeggia un cantico d'amor. La montanara, ohè! si sente cantare, cantiam la montanara e chi non la sa? La montanara, ohè! si sente cantare, cantiam la montanara e chi non la sa? Lassù sui monti tra i rivi d'argento una capanna cosparsa di fior, era la piccola, dolce dimora di Soreghina la figlia del sol. La figlia del sol.
7.
Leggenda di Natale (Fabrizio De André / F. De André) Parlavi alla luna giocavi coi fiori avevi l’età che non porta dolori e il vento era un mago, la rugiada una dea, nel bosco incantato di ogni tua idea nel bosco incantato di ogni tua idea E venne l’inverno che uccide il colore e un Babbo Natale che parlava d’amore e d’oro e d’argento splendevano i doni ma gli occhi eran freddi e non erano buoni ma gli occhi eran freddi e non erano buoni Coprì le tue spalle d’argento e di lana di perle e smeraldi intrecciò una collana e mentre incantata lo stavi a guardare dai piedi ai capelli ti volle baciare dai piedi ai capelli ti volle baciare E adesso che gli altri ti chiamano dea l’incanto è svanito da ogni tua idea ma ancora alla luna vorresti narrare la storia d’un fiore appassito a Natale la storia d’un fiore appassito a Natale
8.
TORNA A SURRIENTO (Ernesto De Curtis / G.B. De Curtis) Guarda il mare com´e bello! Spira tanto sentimento Come il tuo soave accento Che me desto fa sognar Senti come illeve salle Dai giardini odor d´aranci Un perfumo non v´ha eguale Per chi palpita d’amore E tu dici: "Io parto, addio!" T´allontani dal mio core Questa terra del amore Hai la forza di lasciar Ma non mi fuggir Non dar mi piu tormento Torna a Surriento Non farmi morir Senti il mare di Sorrento Che tesori ce la in fondo Chi ha girato tutto il mondo Non lo sa dimenticar Vedi come le Sirene Or ti guardano incantate Parch-è vogliono te sola Dolce cose mormorar E tu dici: "Io parto, addio!" T´allontani dal mio core Questa terra del amore Hai la forza di lasciar Ma non mi fuggir Non dar mi piu tormento Torna a Surriento Non farmi morir
9.
Caruso 05:36
Caruso (L. Dalla/ L. Dalla) Qui dove il mare luccica, E tira forte il vento Su una vecchia terrazza Davanti al golfo di Surriento Un uomo abbraccia una ragazza Dopo che aveva pianto Poi si schiarisce la voce E ricomincia il canto *Te voglio bene assai Ma tanto tanto bene sai è una catena ormai Che scioglie il sangue dint’e vene sai... Vide le luci in mezzo al mare Pensò alle notti là in America Ma erano solo le lampare E la bianca scia di un’elica Sentì il dolore nella musica E si alzò dal pianoforte Ma quando vide la luna uscire da una nuvola Gli sembrò più dolce anche la morte Guardò negli occhi la ragazza Quegli occhi verdi come il mare Poi all’improviso uscì una lacrima E lui credette di affogare *Te voglio bene assai Ma tanto tanto bene sai è una catena ormai Che scioglie il sangue dint’e vene sai... Potenza della lirica Dove ogni dramma è un falso Che con un po’ di trucco e con la mimica Puoi diventare un altro Ma due occhi che ti guardano Così vicini e veri Ti fan scordare le parole Confondono i pensieri Così diventa tutto piccolo Anche le notti là in America Ti volti e vedi la tua vita Come la scia di un’elica Ma sì, è la vita che finisce Ma lui non ci pensò poi tanto Anzi si sentiva già felice E ricominciò il suo canto *Te voglio bene assai Ma tanto tanto bene sai è una catena ormai Che scioglie il sangue dint’e vene sai... *Te voglio bene assai Ma tanto tanto bene sai è una catena ormai Che scioglie il sangue dint’e vene sai...
10.
Bella Luna 04:55
BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei se ci sei E se ci sei tu in alto se mi guardi? se mi guardi? Mi sento bene perche tu sei li con me Ma se non ci sei la mia vita e tutta scura tutta scura Tutta scura di memorie senza te senza te Senza te non mi sento piu felice piu felice Perche mi manchi come il giorno senza sole Come la notte si sente sola senza te Come le stelle che brillano in alto per far come te Come il mio cuore, che batte, che batte per te Mia bella luna Quando sta notte scende giu devo ti scordare Ti scordare le parole che tu sei E se tu sei li in alto se mi guardi Mi sento bene perche tu sei qui con me Ma se non ci sei la mia vita e tutta brutta Tutta brutta di memorie senza te Senza te non mi vedo neanche il passo Perche la notte sembra nera come la morte la morte!!! Come la notte si sente sola senza te Come le stelle che brillano in alto per far come te Come il mio cuore, che batte, che batte per te Mia bella luna
11.
Sara perché ti amo
12.
Un Enfant 05:00
13.
I due fannulloni (Matteo Salvatore) Hitler i Mussollini sono stati due assassini Hanno voluto fare la guerra per dominare mare, cielo e terra Allo tempo degli fascisti attaccavano gli manifesti le donne a ‘na figlia lu popol a da ummentar quella donna ca nu figlieva ieva prega Santo Lazene pe’ nu figlio tre mila lire se ieva maschio le cinque mila lire Chi lo chiamav’ Benito Doppio premio è favorito So passete un pocco d’anni Lu paese pieno di uagliule Tutti schavezze i affametti Quellu premiu ciaruvameti A lu sague de chi te murte Cha te pozza ‘na ci vengan A lu sague de chi te murte Cha te pozza na ci vengan Ue che grossa fregatura Coma ma fa queste creature
14.
Alla Manic 04:10
LA MANIC Georges Dor Sapessi tu che noia qui alla Manic Mi scriveresti novità alla Manicouagan A volte io ti penso tanto, e tu m’appari per incanto Ti guardo e fai meravigliar… M’allungo verso te come fa un fiore verso l’ape o il fiume verso il mar Che fai se non sono con te, mio bell’amor? La fronte tua è come seta, velluto gli occhi tuoi Ti giri verso la Côte Nord, e vuoi vedere ancora un po’ La mano mia che ti trattien, e d’aspettare me ti chiede Io ti raggiungo ovunque sia stretta ti tengo Dimmi che si fa a Trois-Rivières ed a Québec Dove si fa presto carriera e se vuoi più ce n’è Dimmi che fanno a Montréal, fra strade oblique ed irreali Più bella sempre là tu sei; dello squallore sei più forte Io t’amerò fino alla morte eternamente. Noi sempre a fare i fanfaroni, sempre a giocar ma in fondo siamo bonaccioni legati a chi noi amiam C’è anche chi suona la chitarra, la fisarmonica o il violino Se il tempo qui non passa mai, io suono con il mio cuore Ballando dico il nome tuo… tanto io t’amo Sapessi tu che noia qui alla Manic Mi scriveresti novità alla Manicouagan Se tu non hai tanto da dire, scrivi duecento volte “ti amo” è la più bella poesia, la leggerò duecento volte…  duecento volte non è tanto per chi si ama. Sapessi tu che noia qui alla Manic Mi scriveresti novità alla Manicouagan
15.
BELLA CIAO Alla mattina appena alzata O bella ciao Alla mattina appena alzata - in risaia mi tocca andar E fra gli insetti e le zanzare O bella ciao E fra gli insetti e le zanzare - un dur lavoro mi tocca far Il capo in piedi col suo bastone O bella ciao Il capo in piedi col suo bastone - e noi curve a lavorar O mamma mia o che tormento O bella ciao O mamma mia o che tormento – io t’invoco ogni doman Ma verra un giorno che tutte quante O bella ciao Ma verra un giorno che tutte quante Lavoreremo in liberta
16.
Amore 06:13
AMORE (M. Calliari / M. Calliari, L. Champagne, C. Araya, L. Altobelli, A. Dumais) Amore, amore vivo Amore, amore lontano Amore, amore vengo Lo so, lo so, mi dico sempre Le stesse cose Una volta, una volta di troppo Ma pensa un po, se fosse vero Se forse, se forse il vento Soffia, soffia verso di te La strada é lunga, ma la vita é corta La gente passa, come io vado e vengo Le faccie, le faccie cambiano Ma siamo, siamo tutti parecchi, dentro di noi Nostra fiamma, nostra fiamma brucia Anche dopo, anche dopo la morte A tutti, a tutti i giorni Son passato da li Sperando vederti, guardarti, sentirti con me Amore Amore Amore Lo so, mi dico sempre le stesse cose
17.
O Sole Mio 03:53
O sole mio (Giovanni Capurro/ Eduardo Di Capua/ Alfredo Mazzucchi) Che bella cosa na jurnata ‘e ‘sole n’aria serena doppo ‘na tempesta pe’ll’aria fresca pare già na festa che bella cosa ‘na jurnata e sole. *Ma n’atu sole cchiù bello, oi nè ’o sole mio sta ‘nfronte a te! ’o sole, o sole mio sta ‘nfronte a te ... sta ‘nfronte a te. Quanno fa notte ‘o sole se ne scende me vene quase ’na malincunia, sotto ‘a fenesta coi te restarria quando fa notte ‘o sole se ne scende. *Ma n’atu sole cchiù bello, oi nè ’o sole mio sta ‘nfronte a te! ’o sole, o sole mio sta ‘nfronte a te ... sta ‘nfronte a te.
18.
Federico 03:12
FEDERICO Claude Léveillée Me ne frego del mondo Intero, quando Federico  mi ricorda gli amori dei nostri vent’anni  I dolori, casa nostra, e non si scorda degli amici sul balcone, che oggi sono dispersi ai quattro venti. - Non eravamo poeti, neanche preti, neanche furbi.  Ma papà ci amava molto, ti ricordi la domenica, Intorno al tavolo, si rideva, discuteva. Mentre mamma ci serviva. Ma dopo! Poi la vita ti mangia, e lei t’ha divorato  prima o poi mangia tutti e io dietro di lei. Sognavamo la fuga, sognavamo di andare, di lasciare la casa, di restare da soli. Tu hai scordato Chopin, io mi do da gran fare oggi tu bevi vino, perché ciò fa più serio. Vedo papà che invecchia, tutto questo c’invecchia  Me ne frego del mondo Intero, quando Federico  mi ricorda gli amori dei nostri vent’anni  I dolori, casa nostra, e non si scorda degli amici sul balcone, che oggi sono dispersi ai quattro venti. - Non eravamo poeti, neanche preti, neanche furbi.  Ma papà ci amava molto, ti ricordi la domenica, Intorno al tavolo, si rideva, discuteva. Mentre mamma ci serviva. Ma dopo ! Dopo venne la festa, fu la festa più bella,  Fu quella degli amanti e durò una primavera.  Poi l’autunno ritornò, questo autunno di vita.  Addio bell’Arlecchino, vedi che ti ho mentito.  Son crollati i castelli, addio chiaro di luna. Alla fine dobbiamo, se vogliamo crearla. una vita tranquilla, vita da «bon vivant». Me ne frego del mondo Intero, quando Federico  mi ricorda gli amori dei nostri vent’anni  I dolori, casa nostra, e non si scorda degli amici sul balcone, che oggi sono dispersi ai quattro venti. Non eravamo poeti, neanche preti, neanche furbi.  Ma papà ci amava molto, ti ricordi la domenica, Intorno al tavolo, si rideva, discuteva. Mentre mamma ci serviva. Là… Ti ricordi Federico… dai, ciao!

about

Marco s'accompagne de sept complices qu’il a trouvés dans sa famille de musique : du batteur Carlos Araya de l’époque Anonymus à la tubiste Julie Houle et à Luzio Altobelli, qui signe les arrangements d’une musique sobre, délicate, parfois dénudée, intimiste, voire introspective, mais avec des montées plus passionnelles, mélodramatiques ou théâtrales. Cela demeure du Calliari, mais avec cette forte dose de romance qu’on lui soupçonnait. Ici, il l’assume totalement.

credits

released November 1, 2016

MUSICIENS / Musicisti
Amélie Poirier-Aubry: accordéon, percussions, voix
Julie Houle: tuba, euphonium, basse électrique, voix
Sheila Hannigan: violoncelle
Luzio Altobelli: arrangements, accordéon, percussions
Guido Del Fabbro: violon, mandoline
Jean-Sébastien Leblanc: clarinette, clarinette basse, voix
Carlos Araya: batterie, percussions, voix
Marco Calliari: guitare, voic

license

all rights reserved

tags

about

Marco Calliari Montreal, Québec

Marco Calliari chante fièrement ses origines : Sa musique est une ode au folklore italien qu’il modernise à sa guise.

contact / help

Contact Marco Calliari

Streaming and
Download help

Redeem code

Report this album or account

If you like Marco Calliari, you may also like: